Consigli per la prevenzione di allergie da imenotteri (api e vespe)

MEDICINA ONLINE APE BEE WASP VESPA MOSCA ZANZARA MOSQUITO INSETTO PUNTURA SHOCK ANAFILATTICO ADRENALINA MORTE MORIRE DIE VITA LIFE DOLORE PELLE CUTE ADRENALINA FIORE POLLINEGli imenotteri sono un ordine di insetti che comprende oltre 100 mila specie diffuse in tutto il mondo, di varie dimensioni, terrestri, alati o atteri, con livrea di colore vario e con esoscheletro poco consistente. Esempi tipici di imenotteri sono api e vespe: le allergie al loro veleno, in alcuni casi, possono essere addirittura fatali, come dimostrato da numerosi tragici fatti di cronaca. Per tale motivo, nei casi di ipersensibilità a veleni di imenotteri – oltre all’eventuale immuneterapia specifica – deve essere consigliato ai soggetti affetti, alcune norme comportamentali per evitare pericolose sindromi allergiche. In particolare si suggerisce, ai soggetti fortemente esposti agli imenotteri per motivi professionali (come gli apicoltori), l’impiego di maschere protettive e di un abbigliamento idoneo (guanti, stivali, pantaloni lunghi, camicie con manica lunga, etc.), che li pongano al riparo dalle punture di questi insetti. Consigli generali per tutti i pazienti, sono elencati nel seguente paragrafo.

Consigli

I pazienti con allergia a veleni di imenotteri dovrebbero seguire tali consigli:

  • controllare se esistano nidi di vespe nelle vicinanze dell’abitazione e, nel caso, farli eliminare;
  • evitare, se possibile, di lavorare, camminare o stazionare in luoghi dove più facilmente possano trovarsi api o vespe (frutteti, giardini fioriti, aree con cespugli, aree per picnic, aree per il pascolo di animali, aree adibite alla raccolta di rifiuti, etc.);
  • evitare di far colazione all’aperto, in quanto i residui delle bevande dolcificate (attenzione soprattutto ai contenitori delle bibite gassate) e degli alimenti (in particolare frutta, marmellate e dolciumi) possono attrarre facilmente gli insetti.
  • non camminare a piedi nudi all’aperto;
  • indossare sempre, anche in periodo estivo, pantaloni lunghi, camicie con maniche lunghe ed altri indumenti protettivi (nel caso degli apicoltori, anche copri capo chiusi, guanti, stivali e maschere di protezione; quando si pratichi giardinaggio, almeno guanti di protezione);
  • evitare di indossare abiti molto colorati, soprattutto se i colori sono molto accesi, inoltre sarebbe preferibile evitare vestiti con disegni a fiori;
  • evitare di usare profumi, lozioni o altri prodotti cosmetici profumati, che possono attrarre gli insetti;
  • in caso di presenza di vespe, evitare di scacciarle con gesti bruschi; se possibile, è preferibile allontanarsi, con molta cautela;
  • non viaggiare in macchina con i finestrini aperti, soprattutto nel periodo estivo, per evitare che le vespe possano entrare nell’abitacolo (per precauzione, è utile tenere in macchina un insetticida). Se si viaggia in motocicletta o in bicicletta, indossare casco, guanti e indumenti che tengano ben coperti gli arti;
  • evitare, se possibile, di praticare attività sportive all’aperto, soprattutto nel periodo estivo-autunnale (il sudore può attirare gli insetti);
  • nelle abitazioni tenere chiuse le finestre o far installare reticelle (zanzariere) per evitare l’ingresso di imenotteri; inoltre, tenere puliti e ben chiusi i contenitori per i rifiuti;
  • tenere sempre a portata di mano, in casa, un insetticida spray, specifico per le vespe, così come prodotti repellenti per gli insetti.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Sistema immunitario e sue patologie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.