Resveratrolo: benefici, integratori, dosaggio, alimenti

MEDICINA ONLINE SALI MINERALI ALIMENTI CIBI DIETA INTEGRATORI MIGLIORI A CHE SERVONO DOVE TROVARLI CALCIO FOSFORO MAGNESIO POTASSIO CLORO ZOLFO SELENIO BENEFICI CONTROINDICAZIONI DOSI FABBISOGNO COLLATERALIIl resveratrolo è un fenolo non flavonoide, una delle fitoalessine prodotte naturalmente da parecchie piante, ad esempio presente nella buccia dell’acino d’uva, in difesa da agenti patogeni quali batteri o funghi. Il resveratrolo appartiene al grande gruppo dei polifenoli, molto diffusi in alimenti provenienti dal mondo vegetale (specie frutta e verdura) e dotati di elevata capacità antiossidante che gli permette di contrastare i radicali liberi, di prevenire l’ossidazione delle lipoproteine, la formazione di tumori e l’invecchiamento dei tessuti, grazie al proprio potere antiossidante, antinfiammatorio, vasorilassante, antiproliferativo ed estrogenico.

Resveratrolo: proprietà

In campo medico sono accertati vari effetti positivi del resveratrolo e dei polifenoli in generale:

  • effetti antiossidanti: proteggono le cellule dai danni causati dai radicali liberi, che si sviluppano soprattutto a causa dell’esposizione dell’organismo a fumo di sigaretta, alcolici, stress, agenti inquinanti, radiazioni ionizzanti, raggi UV, additivi chimici ed infezioni;
  • effetti cardiovascolari: sono utili nella cura dell’ipertensione arteriosa e nella prevenzione di ictus cerebrale ed infarto del miocardio, grazie alla riduzione dell’ossidazione delle lipoproteine ed altri effetti antiaterogeni, antitrombotici e fluidificanti del sangue;
  • effetti neuroprotettivi: prevengono e rallentano l’invecchiamento del cervello e delle malattie neurodegenerative;
  • effetti immunoprotettivi: aiutano il sistema immunitario a difendere l’organismo dalle infezioni virali e batteriche, specie durante i periodi di forte stress;
  • effetti antitumorali: riparano i danni al DNA prevenendo il cancro;
  • effetti antinfiammatori: inibiscono la cascata dell’acido arachidonico, facendo avvertire meno i sintomi dolorosi di una infiammazione cronica.

Resveratrolo anti-invecchiamento

Il resveratrolo è particolarmente famoso per i suoi effetti antiaging sul tessuto cutaneo: grazie alla sua potente azione antiossidante contrasta infatti i radicali liberi e ritarda la comparsa di rughe, secchezza cutanea ed altri inestetismi cutanei legati all’invecchiamento. Il resveratrolo ha un’azione antiossidante addirittura superiore a quella di altri noti antiossidanti come la vitamina C e la vitamina E. Il resveratrolo è inoltre efficace nelle patologie cutanee a eziologia multifattoriale, specie se presente una componente infiammatoria, per la sua capacità di inibire la perossidazione dei lipidi delle lipoproteine a bassa densità (LDL), di chelare gli ioni metallici e di agire come radical scavenger. Inoltre, il resveratrolo è noto essere coinvolto in eventi metabolici cellulari come la sintesi degli eicosanoidi e il metabolismo lipidico.

Resveratrolo in cibi e bevande

Il resveratrolo si trova in particolare nella buccia degli acini d’uva, nel succo d’uva rossa e nel vino, specie quello rosso. Maggiori quantità di resveratrolo si riscontrano in particolare nell’uva biologica non trattata con fungicidi e pesticidi e nel vino che è stato a lungo fatto fermentare insieme alle bucce degli acini d’uva. Sembra inoltre che l’uva prodotta nelle zone più a nord, abbaiano maggior quantità di resveratrolo in virtù della minor quantità di raggi UV nella radiazione solare. Il nostro personale consiglio è di evitare di assumere grosse quantità di vino nel tentativo in ottenere il resveratrolo, dal momento che i vantaggi di quest’ultimo sarebbero superati dagli svantaggi derivanti dal metabolismo dell’alcol che comporta, paradossalmente, proprio la produzione di radicali liberi. Consigliamo quindi di assumere il resveratrolo attraverso l’uva o integratori alimentari.

Dose giornaliera di resveratrolo

Il dosaggio di resveratrolo oscilla tra i 200 ed i 400 mg al giorno.

Effetti collaterali, controindicazioni ed interazioni

L’uso di un integratore di resveratrolo è generalmente privo di effetti collaterali, rimanendo entro i dosaggi consigliati. Il sovradosaggio potrebbe portare a nausea, vomito e diarrea. L’assunzione di un integratore di resveratrolo è controindicata in caso di ipersensibilità o allergia alla sostanza o ai cibi che la contengono. Non sono note interazioni farmacologiche legate all’uso di integratori di resveratrolo, se usati nei dosaggi raccomandati. L’uso in gravidanza e allattamento dovrebbe essere evitato.

Modalità d’assunzione del resveratrolo

L’integratore di resveratrolo va assunto preferibilmente la mattina, prima ancora della colazione ed evitando l’assunzione contemporanea a pasti abbondanti.

Integratore di

Il miglior integratore di resveratrolo, selezionato dal nostro Staff sanitario, è questo: https://amzn.to/2kyMhRi

Integratori antiossidanti

Oltre al resveratrolo, vi presentiamo una lista di integratori, scelti dal nostro Staff sanitario, ricchi di sostanze ad azione antiossidante e con funzione tonificante ed energizzante:

Smettere di fumare e di bere alcolici

La strada per combattere i radicali liberi passa necessariamente dallo smettere di fumare e di bere alcolici, a tal proposito leggi:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Integratori alimentari, vitamine e sali minerali e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.