Disturbi di personalità nell’ICD-10 e nell’ICD-11: classificazione, caratteristiche

MEDICINA ONLINE MEDICO PAZIENTE ANAMNESI VISITA ESAME OBIETTIVO IDIOPATICO SINTOMI DOLORE STUDIO OSPEDALE AMBULATORIO CONSIGLIO AIUTO DOTTORE INFERMIERE PRESCRIZIONE FARMACO DIAGNOSIDisturbi di personalità nell’ICD-10

L’ICD (International Classification of Diseases, “Classificazione internazionale delle malattia”), stilata dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS-WHO), nella sua decima edizione (ICD-10, approvata nel 1990) classifica i disturbi di personalità in:

  • disturbi di personalità specifici (F60);
    • F60.0 Disturbo di personalità paranoide
    • F60.1 Disturbo schizoide di personalità
    • F60.2 Disturbo antisociale di personalità
    • F60.3 Disturbo di personalità emotivamente instabile
    • F60.4 Disturbo istrionico di personalità
    • F60.5 Disturbo anancastico di personalità
    • F60.6 Disturbo ansioso di personalità (di evitamento)
    • F60.7 Disturbo di personalità dipendente (astenico)
    • F60.8 Altri disturbi specifici di personalità
    • F60.9 Disturbo di personalità non specificato
  • altri disturbi di personalità e forme miste (F61);
  • modificazioni durature della personalità non attribuibili a danno o malattia cerebrale (F62);
  • disturbi delle abitudini e degli impulsi (F63);
  • disturbi dell’identità sessuale (F64);
  • disturbi della preferenza sessuale (F65);
  • disturbi psicologici e comportamentali associati con lo sviluppo e l’orientamento sessuale (F66);
  • altri disturbi della personalità e del comportamento nell’adulto (F68);
  • disturbi non specifici della personalità e del comportamento nell’adulto (F69).

I disturbi di personalità coprono quindi le malattie tra F60 ed F69 e sono inseriti nel capitolo V (quinto), che include anche:

  • disturbi psichici e comportamentali di natura organica (F00-F09);
  • disturbi dovuti all’uso di sostanze psicoattive (F10-F19);
  • disturbi affettivi (F30-F39);
  • disturbi nevrotici (F40-F48);
  • disturbi legati a disfunzioni fisiologiche (F50-F59);
  • disturbi dello sviluppo psicologico (F80-F89);
  • disturbi comportamentali (F90-F98).

Disturbi della personalità specifici (F60)

Questa sezione include gravi disturbi della personalità e deviazioni marcate nel comportamento dell’individuo, non una conseguenza diretta della malattia, danni o altri danni cerebrali acuti o altri disturbi mentali. Di solito questi disturbi comprendono diverse sfere della personalità; quasi sempre sono strettamente connessi con le sofferenze personali espresse e la disintegrazione sociale. Questi disturbi di solito si manifestano durante l’infanzia o l’adolescenza e continuano durante la vita successiva.

F60.0 Disturbo della personalità paranoide

Disturbo della personalità caratterizzato da un’eccessiva sensibilità al fallimento, dall’incapacità di perdonare il risentimento, il sospetto e una tendenza a distorcere la realtà interpretando le azioni neutrali o amichevoli degli altri come ostili o dispregiativi. Ci sono ripetuti sospetti irragionevoli di un coniuge o di un partner sessuale nell’infedeltà, una consapevolezza militante e persistente della propria correttezza. Tali persone sono inclini ad una autostima esagerata; spesso c’è una presunzione esagerata.

Personalità (disturbo):

  • espansivo-paranoico
  • bigotto
  • paranoico
  • facilmente paranoico

Non comprende:

  • paranoia (F22.0)
  • paranoia della maledizione ( F22.8)
  • paranoico:
    • psicosi (F22.0)
    • schizofrenia ( F20.0)
    • condizione (F22.0)

F60.1 Disordine di personalità schizoide

Un disturbo della personalità individuale caratterizzato da debolezza degli attaccamenti, contatti sociali e di altro tipo, un debole per le fantasie, la solitudine e l’introspezione. Esiste una capacità limitata di esprimere sentimenti e provare piacere.

Non comprende:

  • sindrome di Asperger (F84.5 )
  • disturbo delirante (F22.0)
  • disturbo schizoide nell’infanzia ( F84.5)
  • schizofrenia (F20.-)
  • disturbo schizotipico (F21)

F60.2 Disturbo antisociale di personalità

Disturbo della personalità, caratterizzato dal disprezzo delle responsabilità sociali e dall’insensibile indifferenza verso gli altri. Vi è una significativa discrepanza tra il comportamento del paziente e le norme sociali di base. Il comportamento non può essere cambiato sulla base dell’esperienza, compresa la punizione. I pazienti subiscono gravi contrattempi e facilmente soccombono all’aggressione, compresa la violenza. Tendono a incolpare gli altri oa dare spiegazioni plausibili per il loro comportamento portandoli a entrare in conflitto con la società.

Personalità (disturbo):

  • immorale
  • antisociale
  • asociale
  • psicopatico
  • sociopatico

Non comprende:

  • disturbo della condotta (F91.-)
  • disturbo di personalità emotivamente instabile (F60.3)

F60.3 Disturbo di personalità emotivamente instabile

E’ un disturbo della personalità individuale caratterizzato da una certa propensione per le azioni impulsive senza tener conto delle conseguenze. L’umore è imprevedibile e capriccioso. C’è una tendenza a scoppi di emozioni e l’incapacità di controllare il comportamento esplosivo. Ci sono borbottii e conflitti con gli altri, specialmente quando le azioni impulsive vengono represse e criticate. Si possono distinguere due tipi di disordine: un tipo impulsivo caratterizzato principalmente da instabilità emotiva e mancanza di controllo emotivo, e un tipo borderline, che è inoltre caratterizzato da una rottura di auto-percezione, obiettivi e aspirazioni interiori, una sensazione cronica di vuoto, relazioni interpersonali tese e instabili e una tendenza al comportamento autodistruttivo, tra cui gesti e tentativi suicidi.

Personalità (disturbo):

  • aggressivo
  • confine
  • eccitabile

Escluso:

  • disturbo della personalità dissociale (F60.2)

F60.4 disturbo di personalità isterico

E’ un disturbo di personalità caratterizzato da eccitabilità superficiale e instabile, una tendenza a drammatizzare, teatrale, così come espressione esagerata di emozioni, suggestionabilità, egocentrismo, auto-indulgenza, mancanza di attenzione per gli altri, sentimenti facilmente vulnerabili e un costante desiderio di avere successo e attenzione.

Personalità (disturbo):

  • isterico

F60.5 Disturbo anancastico di personalità

Disturbo di personalità caratterizzato da una sensazione di insicurezza, eccessiva scrupolosità, moderazione e preoccupazione per i dettagli, testardaggine, prudenza e inflessibilità. Possono esserci pensieri o azioni persistenti o non intenzionali che non raggiungono la gravità del disturbo ossessivo-compulsivo.

Personalità (disturbo):

  • compulsivo
  • ossessivo
  • ossessivo-compulsivo

Escluso:

  • disturbo ossessivo-compulsivo (F42.-)

F60.6 Disturbo ansioso (evasivo) di personalità

Disturbo di personalità individuale caratterizzato da una sensazione di tensione interiore, presenza di cupi presentimenti, mancanza di senso di sicurezza e complesso di inferiorità. Esprimeva un costante e forte desiderio di compiacere e di essere riconosciuto, una risposta molto sensibile ai rifiuti e alle critiche, insieme alla limitazione degli attaccamenti personali, alla tendenza ad evitare certe azioni abitualmente esagerando potenziali pericoli e rischi nelle situazioni quotidiane.

F60.7 Disturbo di personalità dipendente

Il disturbo della personalità caratterizzato da una profonda sottomissione passiva alle persone circostanti nel prendere decisioni di vita grandi e piccole, esprime la paura della solitudine, un senso di impotenza e incompetenza, un accordo passivo con il desiderio degli anziani e una risposta debole alle esigenze della vita quotidiana. La mancanza di attività può essere espressa nella sfera intellettuale ed emotiva; c’è spesso la tendenza a spostare la responsabilità verso gli altri.

Personalità (disturbo):

  • astenico
  • insufficiente
  • passivo

F60.8 Altri disturbi specifici della personalità

Personalità (disturbo):

  • eccentrico
  • disinibito (“sfrenato”)
  • immaturo
  • narcisistico (narcisistico)
  • passivo-aggressivo
  • psiconeurotico

F60.9 disturbo della personalità, non specificato

  • Neurosi del carattere BDU
  • La personalità patologica della NDU

Disturbi di personalità nell’ICD-11

Nell’ICD-11 (rilasciato ufficialmente il 25 maggio 2019), il disturbo di personalità è definito da un’alterazione relativamente persistente e pervasiva nel modo in cui gli individui esperiscono e interpretano se stessi, gli altri e il mondo, a cui conseguono modalità maladattative di funzionamento cognitivo, esperienza ed espressione emozionale e comportamento. Queste modalità maladattative sono relativamente inflessibili e si associano a problemi significativi nel funzionamento sociale che sono
particolarmente evidenti nelle relazioni interpersonali.

La sezione dei disturbi della personalità è stata completamente rinnovata rispetto all’ICD-10. Il cambiamento più significativo rispetto all’ICD-10 ed al DSM5 è l’abolizione delle singole categorie di disturbo di personalità: tutti i disturbi di personalità sono stati uniti in uno solo, il disturbo di personalità (6D10), che può essere codificato come:

  • lieve (6D10.0);
  • moderato (6D10.1);
  • grave (6D10.2);
  • gravità non specificata (6D10.Z).

Il sistema delle categorie è sostituito da un sistema di cinque domini monotetici:

  • affettivo negativo (6D11.0);
  • distaccato (6D11.1);
  • dissociale (6D11.2);
  • disinibito (6D11.3);
  • anancastico (6D11.4).

Elencato immediatamente sotto è il modello borderline (6D11.5), una categoria simile al disturbo borderline di personalità. Nell’ICD-11 il pattern borderline non è un tratto in sé, ma una combinazione dei cinque domini in diversa gravità.

Articoli sui disturbi di personalità:

Per approfondire leggi anche:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva, Psicologia, pedagogia e sociologia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.