Come potenziare la flora batterica intestinale: probiotici e prebiotici

MEDICINA ONLINE FARMACIA FARMACO SALI MINERALI ALIMENTI CIBI DIETA INTEGRATORI MIGLIORI A CHE SERVONO DOVE TROVARLI CALCIO FOSFORO MAGNESIO POTASSIO BENEFICI CONTROINDICAZIONI DOSI FABBISOGNO COLLATERALIIn presenza di disbiosi (alterazione della flora batterica), la terapia consiste nella somministrazione di probiotici (microrganismi capaci di mantenere il normale l’equilibrio della nostra flora batterica intestinale). I probiotici sono:

  • vitali ed attivi;
  • resistenti all’azione dell’acido gastrico e della bile;
  • capaci di conservare la loro vitalità all’interno del tratto digerente;
  • capaci di aderire all’epitelio dell’intestino;
  • capaci di produrre sostanze antimicrobiche.

Molti dei fermenti lattici contenuti nello yogurt non possiedono tali caratteristiche specifiche e non sono, quindi, in grado di influenzare positivamente la flora batterica intestinale. Fermenti lattici e probiotici non sono infatti la stessa cosa, a tal proposito leggi: Differenze tra fermenti lattici e probiotici

Prebiotici

Il secondo step consiste nell’assumere prebiotici, cioè sostanze che arrivano indigerite nel colon dove sono fermentate dalla flora batterica locale andando a formare metaboliti che “nutrono” i batteri “buoni”. I prebiotici sono contenuti in molti alimenti (specie vegetali), tra cui:

  • cicoria;
  • carciofo;
  • porri;
  • asparagi;
  • aglio;
  • soia;
  • avena.

Nelle preparazioni farmaceutiche contenenti prebiotici, vengono aggiunti soprattutto i FOS (frutto-oligosaccaridi) e l’inulina.

Potenziare la flora batterica intestinale

Oltre ad assumere probiotici e prebiotici, per potenziare la flora batterica intestinale è consigliabile:

  • assumere molte fibre alimentari con la dieta;
  • evitare le diete ipercaloriche;
  • evitare il consumo eccessivo di cibi raffinati;
  • evitare le abbuffate;
  • consumare i pasti lentamente;
  • masticare il cibo a lungo prima di deglutirlo;
  • evitare lo stress psico-fisico prolungato;
  • prevenire e/o curare le infezioni gastroenteriche;
  • alimentarsi ad orari fissi;
  • evitare ritmi di vita irregolari e frenetici;
  • evitare la vita sedentaria;
  • svolgere attività fisica regolare;
  • evitare l’abuso cronico di farmaci come analgesici, sonniferi, antidepressivi e lassativi;
  • evitare una dieta ricca di cibi che contengono inquinanti come coloranti, solventi, ormoni e pesticidi;
  • assumere almeno 1,5 – 2 litri di acqua al giorno.

Continua la lettura con:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Medicina di laboratorio, chimica, fisica, biologia e statistica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.