Quali sostanze nocive e cancerogene contiene il fumo di sigaretta, pipa e sigaro?

MEDICINA ONLINE SMETTERE DI FUMARE CHAMPIX VARENICLINA FUMO SIGARETTA TOP TABACCO NICOTINA TABAGISMO DIPENDENZA TOSSICODIPENDENZA DANNI FARMACO AIUTO PACCHETTO SIGARETTE SAPORE CANCRO POLMONI.Gli enormi danni che le sigarette provocano al nostro organismo direttamente o indirettamente, che portano il fumatore a vivere 11 anni in media meno del non fumatore e uccidono tra 6 ed 8 milioni di persone nel mondo ogni anno, non sono dovuti alla sigaretta in sé, bensì ovviamente alla combustione del tabacco in esso contenuto, che genera il caratteristico fumo che viene inalato ed immesso nei polmoni (non solo dai fumatori attivi, ma anche di quelli passivi) e, tramite il sangue, raggiunge ogni singola cellula del nostro corpo. Il fumo prodotto dalla combustione del tabacco presente non solo nelle sigarette industriali, ma anche in quelle artigianali, nelle pipe e nei sigari, è quindi il vero “killer”. Ma cosa contiene? Di preciso nessuno sa ancora con esattezza ogni singola sostanza presente in esso, ma quasi tutti gli studi arrivano ad elencare centinaia di sostanze non solo irritanti e tossiche, ma anche cancerogene ed addirittura radioattive, come vedremo nel proseguo di questo articolo. Cominciamo col descrivere il contenuto di una sigaretta “da spenta”.

Contenuto della sigaretta (spenta)

La parte “fumabile” delle sigarette, quindi escluso il filtro, contiene principalmente tabacco essiccato sottoposto a specifica lavorazione industriale. Il tabacco è un prodotto agricolo, ottenuto dalle foglie di una pianta del genere Nicotiana. Può essere consumato, usato come insetticida come derivato nicotinico e, in forma di tartrato di nicotina, è utilizzato in alcuni farmaci ed ovviamente è la componente base di sigarette e di sigari oltre a venir bruciato nelle pipe. Il tabacco in sé non viene usato per le sigarette, poiché molto amaro: per essere reso più apprezzabile viene lavorato dalle industrie del tabacco con ammoniaca ed acetaldeide e già questa lavorazione rappresenta un primo problema poiché comporta l’immissione nell’ambiente delle nitrosammine specifiche del tabacco. L’ammoniaca e l’acetaldeide usate per la lavorazione, in parte rimangono nel tabacco e vengono inalate dal fumatore. Non bisogna dimenticarsi di un altro fattore importante, spesso dimenticato: durante la coltivazione la pianta del tabacco acquisisce dal terreno, dall’aria circostante, dalla pioggia e dai fertilizzanti altre sostanze del tutto imprevedibili, che, una volta sottoposte a combustione, vengono inalate dal fumatore. Se ad esempio nei dintorni della coltivazione di tabacco è presente una industria che immette sostanze tossiche nell’ambiente (aria, terra e acqua), la pianta si “arricchirà” di tali sostanze che – in parte – verranno inalate dal fumatore.

Contenuto del fumo di sigaretta

Abbiamo precedentemente visto cosa contiene una sigaretta da spenta. Ma quando l’accendiamo (o accendiamo il tabacco contenuto in una pipa o un sigaro), cosa rilascia il fumo prodotto dalla sua combustione, che poi è quello che realmente entra nei nostri polmoni e nel nostro sangue? Non si sa con esattezza, tuttavia secondo alcuni studi la combustione del tabacco presente in una sola sigaretta produce circa 7000 sostanze, di cui almeno 250 tossiche e/o irritanti per l’organismo umano e circa 70 non solo tossiche ma anche cancerogene ed alcune perfino radioattive, il che significa che fumando immettiamo nel nostro corpo ben 70 sostanze capaci di provocare e/o favorire la formazione di un tumore maligno, cioè di un cancro, e non solo al polmone: tali sostanze possono provocare qualsiasi tipo di cancro, come quello al pancreas, al fegato, al colon-retto e altri. Questi dati fanno comprendere il motivo per cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità considera il tabagismo la prima causa di morte evitabile al mondo.

IMPORTANTE: in questo articolo si parla degli elementi presenti nel “fumo di sigaretta”, ma lo stesso discorso può essere applicato a qualsiasi prodotto che sprigioni fumo dalla combustione del tabacco, come ad esempio pipa, sigari e sigarette artigianali. Sono esclusi i prodotti sostitutivi, come ad esempio la sigaretta elettronica, in cui il “fumo” non è prodotto dalla combustione del tabacco.

Sostanze tossiche/irritanti contenute nel fumo

Tra le circa 250 sostanze tossiche/irritanti sprigionate dalla combustione di una sigaretta, e quindi presenti nel fumo, ricordiamo:

  • nicotina;
  • catrame;
  • monossido di carbonio;
  • ammoniaca;
  • acroleina;
  • acetone;
  • cianuro di idrogeno;
  • acrilonitrile;
  • metilammina;
  • toluene.

Per approfondire, leggi: Sostanze tossiche e irritanti contenute nel fumo di sigaretta, pipa e sigaro

Sostanze tossiche/irritanti/cancerogene/radioattive

Tra le sostanze non solo tossiche/irritanti, ma anche cancerogene prodotte dalla combustione della sigaretta e quindi presente nel fumo, ricordiamo:

  • benzene;
  • formaldeide;
  • arsenico;
  • PAH (idrocarburi aromatici policiclici del catrame);
  • acetaldeide;
  • nitrosammine specifiche del tabacco;
  • 1-3 butadiene;
  • cumene;
  • berillio;
  • ossido di etilene;
  • nichel;
  • cloruro di vinile;
  • ammine aromatiche (anilina, o-toluidina, 2,4,6-trimetilanilina, o-anisidina, 3-trifluorometilanilina, n-metilanilina);
  • cadmio;
  • cromo;
  • polonio-210.

E’ impressionante notare come il polonio-210 sia un isotopo radioattivo: si, quando fumate immettete nel vostro corpo anche sostanze radioattive. Per approfondire, leggi: Sostanze cancerogene e radioattive contenute nel fumo di sigaretta, pipa, sigaro

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Smettere di fumare e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.