Coronavirus: l’Italia è la nazione più contagiata d’Europa

MEDICINA ONLINE QUARANTENA OSPEDALE MEDICO MASCHERINA CONTAGIO VIRUS PATOGENO CONTAGIO PANDEMIA EPIDEMIA CORONAVIRUS CINESE CINA MORTE DECESSO PRONTO SOCCORSO POLMONITE CONTAGIATO MORTALITA GERME MICROBO VIRALE VACCINO.In Italia sono oltre 100 i contagiati dal COVID-19: le stime sono del presidente della Lombardia Attilio Fontana il quale sostiene che le persone contagiate nella sola regione lombarda siano al momento 89. Aggiungendo i sedici casi in Veneto 2 in 2 in Emilia Romagna, 1 nel Lazio (la moglie del cittadino cinese ancora ricoverato e il ricercatore italiano sono stati curati e dimessi) e 3 in Piemonte, si supera quota 100 ed i dati sembrano aumentare in modo rapido ed esponenziale.

Italia più contagiata d’Europa

l’Italia è oggi la nazione con il più alto numero di contagi e di decessi (due) in Europa. Oltre il 60% dei pazienti infetti in Europa, si trova attualmente nel nostro Paese. L’Italia è anche la nazione non asiatica col più elevato numero di casi di contagio al mondo. Da domani chiuse le università per una settimana. Sono undici i comuni del lodigiano e del Veneto in quarantena, interessati dall’emergenza coronavirus e dai relativi provvedimenti delle autorità per impedire la diffusione del virus. Sono Vò Euganeo, Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano.

Evitare allarmismo

Per evitare eccessivi ed immotivati allarmismi, è importante tuttavia sottolineare il fatto che i due decessi riguardino persone anziane e già debilitate da altre patologie e che quindi tutto faccia pensare che l’infezione sia molto meno grave di quanto si pensi, almeno per quel che riguarda gli individui immunocompetenti e non debilitati. Allo stato attuale, dal punto di vista statistico, le “normali” polmoniti sono ad esempio molto più pericolose dell’infezione da COVID-19. Uno dei due decessi in particolare riguarda una persona che era già ricoverata per patologie precedenti al contagio ed attualmente non sappiamo con certezza se il virus sia la reale causa del decesso o che abbia solo accelerato un processo di per sé inevitabile.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Medicina di laboratorio, chimica, fisica, biologia, genetica e statistica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.