Sindrome da astinenza da alcol: caratteristiche e convulsioni rum fits

MEDICINA ONLINE DONNA TRISTE STANCHEZZA SOLA DEPRESSIONE DOLORE MORTE PERDITA ANSIA MAL DI TESTA CEFALEA TRISTEZZA.Come avviene – per definizione – in tutte le tossicodipendenze, quando il dipendente da una sostanza cessa l’assunzione di quella data sostanza, sviluppa in breve tempo un insieme di sintomi e segni determinati dall’astinenza. La sindrome da astinenza da alcol, in particolare, è un complesso di sintomi caratterizzato dallo sviluppo di tremori, allucinazioni, vertigini, confusione mentale e iperattività psicomotoria e neurovegetativa, che compare alcune ore o alcuni giorni dopo l’astensione dall’alcol nei soggetti alcolisti. Questo sembra essere dovuto al fatto che le parti del cervello sulle quali l’alcol agisce, che sono in grado di tollerarne quantità
crescenti, vanno incontro a un processo di disinibizione e diventano ipe-
rattive quando l’assunzione di alcol viene sospesa.

Caratteristiche cliniche

Le manifestazioni principali sono illustrate nella figura che segue:

MEDICINA ONLINE ALCOLISMO Relazione tra i disturbi neurologici acuti e il tempo in cui si sviluppano dopo la cessazione dell'assunzione di alcolici

Relazione tra i disturbi neurologici acuti e il tempo in cui si sviluppano dopo la cessazione dell’assunzione di alcolici. Il periodo di assunzione di alcol non ha, naturalmente, un valore quantitativo. La linea seghettata basale rappresenta i tremori, la nausea ecc. che si manifestano dopo una notte di sonno. Le correlazioni temporali tra i vari gruppi di sintomi e la sospensione dell’assunzione di alcol sono descritti nel testo.

Si possono identificare due sindromi da astinenza da alcol:

  • sindrome minore da astinenza da alcol (astinenza precoce);
  • sindrome maggiore da astinenza da alcol (delirium tremens).

Sindrome minore (astinenza precoce)

La sindrome minore o da astinenza precoce è caratterizzata da tremori, nausea, vomito, insonnia, vampate di calore al volto, sudorazione relativamente modesta, allucinazioni (visive e uditive, raramente tattili e olfattive) e convulsioni. Minimi o assenti sono il disorientamento e la confusione mentale. Questi sintomi esordiscono entro 7-8 ore dalla sospensione dell’assunzione di alcol, raggiungono I’iruensìtà massima dopo 24 ore e si risolvono entro alcuni giorni senza lasciare in genere sequele. Eccezionalmente la sindrome da astinenza alcolica si manifesta come un’allucinosi uditiva acuta che tende a non regredire e a dare origine a una psicosi cronica delirante con allucinazioni, che può essere confusa con la schizofrenia paranoide. In un numero relativamente limitato di pazienti i sintomi precoci della sindrome da astinenza (in particolare le convulsioni) rappresentano l’esordio di un episodio di delirium tremens.

Sindrome maggiore da astinenza (delirium tremens)

La sindrome maggiore da astinenza, definita tradizionalmente delirium tremens, è caratterizzata da confusione profonda, tremore grossolano e mioclonie, deliri, allucinazioni e segni di iperattività del sistema nervoso autonomo (febbre, tachicardia, midriasi, marcata sudorazione). I sintomi esordiscono dopo circa 48-96 ore (in media dopo 72 ore) dalla sospensione dell’assunzione di alcol. Questa sindrome è molto meno frequente della forma minore, ma è mortale nel 5% dei casi. Ipertermia, collasso cardiocircolatorio, infezioni e lesioni traumatiche gravi sono i sintomi associati che fanno prevedere un esito mortale. Studi autoptici dell’encefalo non hanno evidenziato, in questi casi, alcuna anomalia istologica significativa attribuibile al delirium in sé.

Leggi anche: Delirium tremens; cause, sintomi, allucinazioni, terapia, morte

Convulsioni da sindrome da astinenza (“rum fits”)

Nelle fasi precoci di una sindrome da astinenza (da 7 a 48 ore dopo la sospensione
dell’assunzione di alcol), si osserva una marcata tendenza alle convulsioni (in inglese “withdrawal seizures” o “rum fits”) anche in pazienti che non hanno un’anamnesi positiva o segni elettroencefalografici indicativi di epilessia. La sindrome da astinenza da alcol rappresenta infatti una causa frequente di convulsioni che si manifestano per la prima volta nella vita adulta. Durante il periodo convulsivo, l’elettroencefalogramma (EEG) può presentare anomalie e si registra una sensibilità abnorme alla stimolazione stroboscopica, ma tali alterazioni regrediscono in pochi giorni anche nei pazienti in cui il delirium tremens continua. Questa sequenza temporale si verifica in circa il 30% dei pazienti che hanno presentato convulsioni nella fase di astinenza; alcuni studi, tuttavia, riportano percentuali più basse. Come regola generale, le crisi sono generalizzate, isolate o più frequentemente multiple nell’arco di più ore; raramente si sviluppa uno stato di male epilettico. Una crisi focale che insorga nell’ambito di questa sindrome indica in genere la presenza di una lesione focale (più spesso di origine traumatica) che si sovrappone alla sindrome da astinenza da alcol.
Nei pazienti con epilessia post-traumatica o idiopatica le convulsioni possono essere scatenate dall’assunzione di alcol per un periodo anche limitato (una sola set-a o un fine settimana): in questi casi le crisi convulsive si manifestano non durante la fase di intossicazione, ma nel periodo in cui il paziente è sobrio.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Farmaci, terapie e sostanze d'abuso, Medicina delle dipendenze, Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.