Ecografia oculare: indicazioni, svolgimento, preparazione, costo

MEDICINA ONLINE ECOGRAFIA OCULARE DELL OCCHIO VISTA OCCHIO NERVO OTTICO 2 CRANICO CHIASMA OTTICO MIOPIA CECITA FUNZIONE PALLIDO GLAUCOMA RETINA PUCKER MACULARE RETINOBLASTOMA DISTACCO VITREO UMOR CATARATTA.jpgL’ecografia oculare è un esame non invasivo che permette di studiare le strutture interne dell’occhio tramite gli ultrasuoni che, rimbalzando sui tessuti, generando echi di ritorno diversi in base alla struttura anatomica che li ha generati, vengono captati dal macchinario e trasdotti in immagini visibili su monitor dall’oculista.

Per cosa si usa?

L’ecografia oculare si usa per studiare le strutture oculari intrabulbari nelle situazioni in cui non sia possibile l’esplorazione diretta a causa ad esempio di opacità di cornea, cristallino, vitreo. L’ecografia oculare è quindi utile per la diagnosi e la diagnosi differenziale di varie patologie di interesse oculistico-neurologico, come:

  • tumori;
  • distacco di retina e coroide;
  • patologie malformative della retina e della coroide;
  • patologie degenerative della retina e della coroide
  • patologie che interessano il nervo ottico, i muscoli extraoculari ed il grasso retrobulbare.

L’ecografia, in quanto esame ripetibile, economico e rapido, è molto utile per monitorare nel tempo l’andamento di una patologia degenerativa e/o l’efficacia di una cura.

Come ci si prepara all’esame?

L’esame non richiede alcuna preparazione da parte del paziente e non è necessaria la dilatazione della pupilla. L’esame non è pericoloso, né doloroso e non comporta rischi per il paziente.

Come si svolge l’esame?

  1. il paziente è seduto;
  2. il paziente chiude gli occhi;
  3. il medico applica sulla palpebra del paziente uno speciale gel necessario per favorire la trasmissione degli ultrasuoni
  4. il medico poggia delicatamente una sonda ecografica ad altissima risoluzione (> 10 MHz) sulla palpebra del paziente;
  5. l’immagine ecografica viene restituita sul monitor e può essere stampata;
  6. il medico può variare delicatamente la posizione della sonda;
  7. l’esame termina ed il paziente, dopo essersi ripulito dal gel, può tornare immediatamente a casa o al lavoro, anche da solo, a piedi o guidando autoveicoli.

In tutto l’esame dura generalmente 15-20 minuti.

MEDICINA ONLINE ECOGRAFIA OCULARE DELL OCCHIO ECOGRAFO VISTA OCCHIO NERVO OTTICO 2 CRANICO CHIASMA OTTICO MIOPIA CECITA  PALLIDO GLAUCOMA RETINA PUCKER MACULARE RETINOBLASTOMA DISTACCO VITREO UMOR CATARATTA 2.jpg

E’ un esame fastidioso, doloroso o rischioso?

Eseguito da un medico esperto e seguendo le sue indicazioni, l’ecografia oculare è un esame del tutto sicuro, rapido, non invasivo, non doloroso e ripetibile senza rischi più volte in tempi ravvicinati se necessario. Alcuni pazienti più ansiosi potrebbero trovarlo solo lievemente fastidioso. Il fatto che vengano usati “ultrasuoni” non deve confondere il paziente: non si tratta infatti dei raggi X usati nelle radiografie e nelle TAC, bensì di onde sonore del tutto innocue. Il paziente deve ovviamente evitare movimenti bruschi della testa per evitare traumi alla palpebra e soprattutto lesioni compressive al bulbo oculare.

Controindicazioni

L’esame può essere eseguito da tutti, anche da anziani, bambini, disabili e donne incinte. In caso di pazienti disabili non collaboranti, l’esame potrebbe essere comunque svolto se è possibile tenere ben ferma la loro testa.

Costo

Il prezzo di una ecografia oculare varia in funzione del centro dove viene effettuata, ma generalmente oscilla tra 80 e 150 euro.

Altri esami

Le informazioni di questo test possono essere integrate con quelle di altre analisi, ad esempio la vista neurologica, la TAC o la risonanza magnetica. Altri esami che potrebbero essere necessari in campo oculistico, sono:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ecografia e diagnostica per immagini, Medicina degli organi di senso e otorinolaringoiatria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.