Fallacia della brutta china (del piano inclinato): significato, esempi

MEDICINA ONLINE COPPIA UOMO DONNA FIDANZATI MATRIMONIO LITIGARE URLARE DISCUTERE AMORE FALLACIA LOGICA DISCORSO TRADIMENTO INNAMORATI NARCISISTA PATOLOGICO TRADIMENTO GELOSIA IRA RABBIALa fallacia della brutta china (anche chiamata “fallacia del piano inclinato”, “fallacia della china pericolosa”, o “fallacia del pendio scivoloso”), è un ragionamento con cui, partendo da una tesi, si trae una sequenza di conseguenze presentate come inevitabili ma, in realtà, del tutto arbitrarie. In questo modo si giunge a una conclusione finale inaccettabile con la quale si intende rigettare la tesi di partenza, poiché – secondo la fallacia – è ugualmente inaccettabile. Facciamo un esempio:

“Se a lavoro accetti la tua sottomissione nei confronti di un tuo superiore arriverai ad accettare la tua sottomissione a tutti i tuoi colleghi, se accetti la sottomissione dai parte dei tuoi colleghi, dovrai accettare di sottometterti nei confronti di tutti e la tua vita sarà interamente sottomessa: dunque non devi accettare MAI sottomissioni di nessun tipo”

Il ragionamento sembra corretto perché segue questo schema logico:

  • accetti di sottometterti ad un tuo superiore ⇒ accetti di sottometterti a tutti i tuoi colleghi;
  • accetti di sottometterti a tutti i tuoi colleghi ⇒ accetti di sottometterti a chiunque;
  • accetti di sottometterti a chiunque ⇒ la tua sarà una vita di sottomissione;
  • la tua sarà una vita di sottomissione ⇒ per evitarlo non dei sottometterti a nessuno.

Quindi:

  • A porta a B;
  • B porta a C;
  • C porta a D;
  • D è una cosa oggettivamente sbagliata, quindi per evitarla devi evitare anche A.

In realtà questo ragionamento è totalmente illogico, perché ogni implicazione è posta in modo assolutamente deliberato e non è dunque accettabile. Ovviamente tu dovrai evitare di sottometterti a chiunque nella tua vita, ma questo non dovrebbe impedirti di “sottometterti” al tuo capo sul lavoro!

E’ una tecnica subdola, poiché – aggiungendo ad ogni passaggio una situazione esponenzialmente peggiorativa che può in effetti sembrare abbastanza correlata con quella del passaggio precedente – può apparire assolutamente giusta all’ascoltatore meno attento o funzionalmente analfabeta. Si chiama “fallacia del piano inclinato” proprio perché è un tipo di fallacia in cui, andando avanti con il discorso, ci si avvicina sempre più rapidamente verso una conclusione assurda, come una biglia posta su un piano inclinato, che parte lentamente per poi accelerare.

Ambiti d’uso

L’apparente logicità del ragionamento ricorre in vari ambiti, in particolare in quello della politica, nei quali si presta a essere uno strumento retorico e argomentativo in un’ottica conservatrice, utilizzato ogni qualvolta si voglia controbattere un’innovazione o un provvedimento che non si desidera: in tal caso, è sufficiente far discendere una serie di conseguenze che arrivano a un effetto finale negativo e disdicevole per poter affermare l’inaccettabilità dell’innovazione indesiderata. Una tale forma di ragionamento è molto utilizzato nelle discussioni che riguardano questioni bioetiche.

Esempi

I seguenti ragionamenti sono basati sulla fallacia della brutta china:

  1. L’eutanasia è pericolosa. Si comincia col dare la morte a quelli che la chiedono. Poi a quelli che presumibilmente la chiederebbero. Poi a quelli che dovrebbero chiederla. Poi a quelli che la meritano. Legittimare l’eutanasia porta a legittimare l’omicidio di chiunque.
  2. Dobbiamo impedire alla donna musulmana di mostrare i capelli, se lo facesse poi acquisirebbe sempre più diritti fino ad arrivare a contare più degli uomini e sottometterli.
  3. Dobbiamo impedire gli esperimenti genetici nei laboratori: essi legittimano gli esperimenti sulla clonazione umana che porterebbero alla clonazione di esseri umani che distruggerebbe ogni equilibrio sociale; pertanto nessun esperimento genetico deve essere praticato nei laboratori;
  4. La legalizzazione delle unioni omosessuali e la loro equiparazione legale al matrimonio non vanno promosse in quanto, legittimandole, si arriverebbe inevitabilmente a legittimare una progressiva accettazione di atteggiamenti incestuosi, zoofili e pedofili; pertanto le unioni omosessuali non vanno legalizzate.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Psicologia e pedagogia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.