Potenziali evocati vestibolari miogeni (VEMPs)

MEDICINA ONLINE ANATOMIA ORECCHIO ESTERNO MEDIO INTERNO SORDITA IPOACUSIA SISTEMA UDITIVO NERVO 8 VIII CRANICO VESTIBOLO COCLEARE LIEVE PROFONDA DECIBEL TIPI GRADI APPARECCHI ACUSTICI UDITO SENSOCon  VEMPs (potenziali evocati vestibolari miogenici, o miogeni, in inglese “Vestibular Evoked Myogenic Potentials”) ci si riferisce ad una tecnica neurofisiologica di valutazione utilizzata per determinare la funzione degli organi otolitici (utricolo e  sacculo) dell’orecchio interno. Essa integra le informazioni fornite dal test calorico e di altre forme di dell’orecchio interno. Con il termine VEMPs si intende un potenziale evocato vestibolare miogenico  inibitore, evocabile a livello del muscolo sternocleidomastoideo (SCM) in seguito ad una intensa stimolazione acustica del sacculo, attraverso l’attivazione di strutture recettoriali vestibolari; questo viene definito riflesso vestibolo-collico. Pertanto, la ricerca dei VEMP costituisce un nuovo, utile metodo non-invasivo di studio monolaterale della funzione otolitica e dell’integrità funzionale del nervo vestibolare inferiore. Si ritiene che i VEMPs siano dovuti ad un arco riflesso disinaptico costituito dai recettori otolitici principalmente sacculari, dai nuclei vestibolari (1a sinapsi), dai motoneuroni spinali (2a sinapsi) e dallo SCM.

Gli organi otolitici, contenuti nelle cavità labirintiche del sacculo e dell’utricolo, sono sensibili alle accelerazioni lineari cui è sottoposto il capo. Questi stimoli comprendono le accelerazioni generate nel corso di movimenti di flessione o di traslazione lineare della testa e l’accelerazione di gravità, che esercita costantemente la sua azione sul corpo Il riflesso origina a livello del sacculo. La via prosegue attraverso il nervo vestibolare inferiore fino al complesso dei nuclei vestibolari,  soprattutto il nucleo vestibolare laterale o di Deiters (1a sinapsi)Da qui le informazioni sono veicolate, attraverso il tratto vestibolo-spinale laterale omolaterale, fino alle corna anteriori del midollo spinale a livello C2-C5 (2a sinapsi)Quindi attraverso il nervo accessorio spinale, arrivano al muscolo sternocleidomastoideo omolaterale. Lo stimolo sonoro agendo sui recettori otolitici sacculari determina l’attivazione del cosiddetto riflesso vestibolo-collico che viene registrato come “variazione di potenziale bioelettrico”.

In quali patologie è usato?

Il test ha applicazioni diagnostiche nella diagnosi di deiscenza canale semicircolare superiore (sindrome di Minor), una condizione in cui ci possono essere sintomi e segni clinici di attivazione vestibolare in seguito a stimoli sonori intensi. In tali casi si ha una soglia patologicamente abbassata per i VEMPs evocati da stimoli acustici. Il test è anche di utilizzo nel dimostrare il successo del trattamento. Può essere inoltre usato nella sindrome di Ménière , nella neurite vestibolare, nell’otosclerosi e nei disturbi centrali come la sclerosi multipla.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina degli organi di senso e otorinolaringoiatria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.