Analisi posturale: un esame che individua gli squilibri corporei

DIFFERENZA PIANO CORONALE CORONALE TRASVERSALE OBLIQUO ANATOMIA LATERALE MEDIALE DISTALE PROSSIMALE PIANI ANATOMICI CORPO UMANO LINEA MEDIANAL’analisi posturale è una indagine diagnostica che rappresenta probabilmente il miglior punto di partenza per individuare gli squilibri corporei da cui hanno origine un’innumerevole serie di disturbi di diverso tipo, da solo e come completamente dell’esame vestibolare. I terapeuti professionisti sono sempre più inclini a scegliere l’analisi posturale come prima indagine valutativa prima di iniziare con i propri pazienti uno specifico iter terapeutico, nel dettaglio chi si occupa di condurre l’analisi posturale è il chinesiologo. La valutazione della postura attraverso l’analisi posturale consiste in una dettagliata e tecnologica indagine svolta da professionisti esperti nel campo terapeutico e del trattamento del dolore che mira ad individuare la posizione assunta dal paziente e porre in luce le eventuali differenze rispetto a quella corretta che dovrebbe avere. L’analisi posturale viene effettuata durante il primo incontro con il paziente attraverso un’indagine specifica che prende in esame l’equilibrio posturale in base a tre diversi piani:

  • piano sagittale;
  • piano frontale;
  • piano orizzontale o trasversale.

Oggetto principale dell’indagine è il tono muscolare, infatti il terapeuta che effettua l’analisi posturale osservando le varie fasce muscolari secondo i tre diversi piani,quando il paziente è fermo in piedi, in posizione rilassata e con i piedi divaricati parallelamente alle anche, è in grado di studiarne anche l‘apparato scheletrico che viene mantenuto in posizione proprio dall’azione della muscolatura tonica.
I tre piani d’indagine dell’analisi posturale si concentrano ciascuno su diverse zone del corpo in modo che al termine dell’esame il terapeuta ottenga un quadro completo per poter formulare la sua diagnosi e, dove necessario, iniziare una terapia correttiva. Nello specifico il piano sagittale osservato dallo specialista durante l’analisi posturale, si concentra sull’equilibrio della testa, delle spalle, delle scapole e sull’anatomia generale del torace. Il piano frontale concentra invece l’attenzione sulla conformazione delle costole, dello sterno, dei fianchi i del bacino e, della parte inferiore del corpo sulle ginocchia e sui piedi. In ultimo l’analisi posturale studia la postura dei pazienti secondo il piano orizzontale, chiamato anche trasversale, ossia indaga sulle rotazioni e torsioni che il corpo compie e lo fa suddividendo l’organismo in due metà una superiore ed una inferiore.

Come si effettua l’analisi posturale

Ancora prima di procedere con l’analisi posturale il chinesiologo deve effettuare l’anamnesi, importantissimo passaggio per redigere il quadro generale delle condizioni del paziente e comprendere nello specifico quali siano le cause degli stati dolorosi, delle tensioni o di vere e proprie patologie che hanno portato l’organismo ad assumere atteggiamenti posturali scorretti per cercare, erroneamente, di rimediare al dolore percepito. L’anamnesi dunque indaga sulla generale condizione di salute del paziente fin dall’infanzia annotando e prestando attenzione a eventuali traumi riportati, interventi chirurgici, patologie e qualsiasi altro dato significativo. L’anamnesi pero prende in considerazione anche altri importanti aspetti della vita del paziente come le abitudini alimentari e le eventuali intolleranze o allergie, l’aspetto cardiovascolare e la gestione del sonno. Una volta conclusa l’anamnesi il chinesiologo può iniziare l’analisi posturale vera e propria che comunque potrà anche essere ripetuta a distanza di tempo. L’analisi posturale, che come si è detto agisce su più piani per osservare ogni aspetto della postura, individua le alterazioni che danno origine agli stati dolorosi. Insieme con l’analisi posturale il chinesiologo può decidere di effettuare altri test chinesiologici che valutano la postura dei pazienti per cercare le correlazioni fra i problemi posturali e il sistema muscolo-scheletrico. I test chinesiologici posso essere condotti su pazienti di tutte le età e sono molto importanti nell’indagine che comprende anche i disturbi legati all’equilibrio, alla vista, ai denti e all’articolazione temporo-mandibolare.

L’importanza dell’analisi posturale

L’analisi posturale ha una grande importanza nell’ambito dell’indagine svolta dai professionisti terapeuti, è senza dubbio il punto di partenza da cui partire per individuare le eventuali cause di un innumerevole elenco di stati dolori acuti o cronici. Non tutti infatti sanno che dalla postura, quando questa sia scorretta, dipendono disagi e fastidi che mai si penserebbe di ricollegare alla posizione e all’equilibrio della struttura generale del corpo. E’ molto importante sottoporsi all’analisi posturale
in quanto durante quest’esame, qualora venissero scoperte patologie o disturbi di competenza di medici specialisti come il reumatologo, il neurologo o talvolta persino l’oncologo, il chinesiologo può provvedere ad indirizzare il paziente verso settori specifici della scienza medica per potersi sottoporre a consulti specialistici di cui spesso, purtroppo, non si sa di avere bisogno.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ortopedia, reumatologia e medicina riabilitativa e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.