Differenza tra acufene o tinnito tonale e non tonale

MEDICINA ONLINE ANATOMIA ORECCHIO ESTERNO MEDIO INTERNO SORDITA IPOACUSIA SISTEMA UDITIVO NERVO 8 VIII CRANICO VESTIBOLO COCLEARE LIEVE PROFONDA DECIBEL TIPI GRADI APPARECCHI ACUSTICI SENSO UDITOL’acufene o tinnito non è una vera e propria malattia in sé, bensì – nella maggioranza dei casi – un sintomo medico, cioè un qualcosa avvertito dal paziente che, in alcuni casi, potrebbe essere la spia di una malattia a monte.

Gli acufeni sono suoni che hanno origine dall’orecchio, quali tintinnii, brusii, ronzii, fischi, sibili, suoni metallici o sensazioni di pulsazione. Il tinnito può essere distinto in due diversi tipi, tonale o non tonale:

  • tinnito tonale o acufene tonale: è udito esclusivamente dal paziente, quindi è soggettivo e considerato un sintomo. Il tinnito tonale, transitorio e di breve durata, è avvertito dalla maggior parte degli adulti normali in ambienti molto silenziosi (tinnitus fisiologico) e in condizioni ordinarie è mascherato dal rumore ambientale. Se, tuttavia, il soggetto lamenta acufeni persistenti, questi sono suggestivi di lesioni della membrana timpanica, degli ossicini, della coclea o del nervo acustico. In genere uno squillo o toni musicali alti vengono avvertiti in caso di compromissione della funzione cocleare. L’acufene dovuto a patologie dell’orecchio medio (per es. otosclerosi) tende a essere più costante, di intensità variabile e di tono basso.
  • tinnito tonale o acufene tonale: è di gran lunga meno frequente e in alcuni casi può essere udito sia dall’esaminatore sia dal paziente (pertanto va considerato come segno e non più come sintomo). Il tinnito non tonale consiste in rumori trasmessi all’orecchio da varie strutture della testa e del collo: possono essere avvertite contrazioni della tuba di Eustachio, dell’articolazione temporo-mandibolare o del muscolo tensore del timpano, rumori trasmessi dai vasi del collo oppure derivanti da una malformazione arterovenosa intracranica o da un tumore del giorno carotideo, nonché il battito ritmico (1-2/s) del mioclono palatale. Le cause comuni di sordità acquisita e di tinnito tonale, sono: otite cronica, mastoidite, otosclerosi, disturbi dell’orecchio esterno o del canale di Eustachio, infezioni, presbiacusia, farmaci (kanamicina, streptomicina, gentamicina, acido etacrinico, furosemide), esplosioni, rumore intenso, malattia di Ménière, neoplasie, meningiti.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Medicina degli organi di senso, otorinolaringoiatria, odontoiatria e chirurgia maxillo-facciale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.