Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) e immune-brain loop

MEDICINA ONLINE MORTE CLINICA BIOLOGICA MORTE CEREBRALE END LIFE OSPEDALE LETTO VENTILATORE MECCANICO STACCARE LA SPINA BRAIN DEATH ELETTROENCEFALOGRAMMA PIATTO FLAT EEG SNC CERVELLO TERMINALE MALATO COMA STATO VEGETATIVOLa psiconeuroendocrinoimmunologia (da cui l’acronimo “PNEI”; in inglese psychoneuroimmunology, da cui l’acronimo “PNI”) è la scienza che studia le interazioni tra:

  • funzionamento psicologico (“psico”);
  • sistema nervoso, in particolare la secrezione di neurotrasmettitori a livello cerebrale (“neuro”);
  • sistema endocrino, in particolare la secrezione di ormoni (“endocrino”)
  • funzionamento del sistema immunitario (“immunitario”).

La psiconeuroendocrinoimmunologia, o “sistema PNEI“, studia l’interazione tra tutte queste componenti e come tale interazione abbia effetti generali sul corpo e sul comportamento umano. La psiconeuroendocrinoimmunologia è uno degli indirizzi più importanti della psicosomatica e nasce nella seconda metà degli anni ’80 del secolo scorso anche se il fatto che esistesse una stretta dipendenza tra il sistema neuroendocrino e il sistema immunitario era stato già intuito nel 1967 da Walter Pierpaoli i cui risultati degli studi sono stati pubblicati sulla celebre rivista scientifica Nature, gettando le fondamenta della NIM (neuroimmunomodulazione), oggi evoluta nella PNEI.

Il ciclo cerebrale immunitario (immune-brain loop)

Esistono prove di interazioni nervoso-immunologiche a più livelli biologici e che il sistema immunitario e il cervello comunichino attraverso diverse vie di segnalazione. Il cervello e il sistema immunitario sono i due principali sistemi adattativi del corpo. Due percorsi principali sono coinvolti in questo dialogo crociato: l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (asse IIS) e il sistema nervoso simpatico (SNS), attraverso l’asse simpatico-surrenale-midollare (asse SSM). L’attivazione del SNS durante una risposta immunitaria potrebbe essere finalizzata a localizzare la risposta infiammatoria. Il principale sistema di gestione dello stress del corpo è l’asse IIS. L’asse IIS risponde alla stress fisico e mentale per mantenere l’omeostasi in parte controllando il livello di cortisolo del corpo. La disregolazione dell’asse IIS è implicata in numerose malattie legate allo stress, con prove che indicano che diversi tipi di fattori di stress e variabili personali uniche possono modellare la risposta IIS. L’attività dell’asse IIS e le citochine sono intrinsecamente intrecciate: le citochine infiammatorie stimolano l’ormone adrenocorticotropo (ACTH) e la secrezione di cortisolo, mentre, a loro volta, i glucocorticoidi sopprimono la sintesi delle citochine proinfiammatorie. Molecole chiamate citochine pro-infiammatorie, che includono interleuchina-1 (IL-1), interleuchina-2 (IL-2), interleuchina-6 (IL-6), interleuchina-12 (IL-12), interferone-gamma (IFN -Gamma) e il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa) possono influenzare la funzione del cervello e la funzione neuronale. Le cellule immunitarie circolanti come i macrofagi e le cellule gliali (microglia e astrociti) secernono queste molecole. La regolazione delle citochine della funzione ipotalamica è un’area attiva di ricerca per il trattamento dei disturbi legati all’ansia e la medicina psicosomatica in generale. Le citochine mediano e controllano le risposte immunitarie e infiammatorie; esistono interazioni complesse tra citochine, infiammazione e risposte adattative nel mantenimento dell’omeostasi. Come la risposta allo stress, la reazione infiammatoria è cruciale per la sopravvivenza. La reazione infiammatoria sistemica determina la stimolazione di quattro componenti principali:

  • la reazione di fase acuta;
  • il comportamento durante la malattia;
  • il dolore;
  • la risposta allo stress.

Questi componenti sono mediati dall’asse IIS e dal SNS. Malattie umane comuni come allergia, autoimmunità, infezioni croniche e sepsi sono caratterizzate da una disregolazione dell’equilibrio delle citochine pro-infiammatorie rispetto a quelle antinfiammatorie e T helper (Th1) rispetto a (Th2). Alcuni studi recenti mostrano che i processi infiammatori delle citochine si verificano durante la depressione, il disturbo maniaco depressivo, l’ipersensibilità autoimmune e le infezioni croniche. La secrezione cronica di ormoni dello stress, glucocorticoidi (GC) e catecolamine (CA), come conseguenza della malattia, può ridurre l’effetto dei neurotrasmettitori, tra cui serotonina, norepinefrina e dopamina, o altri recettori nel cervello, portando così alla disregolazione dei neurormoni. Sotto stimolazione, la norepinefrina viene rilasciata dai terminali nervosi simpatici negli organi e le cellule immunitarie bersaglio esprimono gli adrenorecettori. Attraverso la stimolazione di questi recettori, la norepinefrina rilasciata localmente o le catecolamine circolanti come l’adrenalina, influenzano il traffico, la circolazione e la proliferazione dei linfociti e modulano la produzione di citochine e l’attività funzionale di diverse cellule linfoidi. I glucocorticoidi inibiscono anche l’ulteriore secrezione dell’ormone di rilascio della corticotropina dall’ipotalamo e dell’ACTH dall’ipofisi (feedback negativo). In determinate condizioni gli ormoni dello stress possono facilitare l’infiammazione attraverso l’induzione di vie di segnalazione e l’attivazione dell’ormone di rilascio della corticotropina. Queste anomalie e l’incapacità dei sistemi adattativi di risolvere l’infiammazione influenzano il benessere dell’individuo, inclusi i parametri comportamentali, la qualità della vita e del sonno, nonché gli indici di salute metabolica e cardiovascolare, sviluppandosi in un “feedback antinfiammatorio sistemico – iperattività “dei fattori proinfiammatori locali” che può contribuire alla patogenesi della malattia. È stato dimostrato che questa “neuroinfiammazione” e l’attivazione neuroimmune giocano un ruolo nell’eziologia di una varietà di disturbi neurodegenerativi come il morbo di Parkinson e Alzheimer, la sclerosi multipla, il dolore e la demenza associata all’AIDS.

Stress prolungato

Si ritiene che lo stress influenzi la funzione immunitaria attraverso manifestazioni emotive e/o comportamentali come ansia, paura, tensione, rabbia e tristezza e cambiamenti fisiologici come frequenza cardiaca, pressione sanguigna e sudorazione. I ricercatori hanno suggerito che questi cambiamenti sono benefici se sono di durata limitata, ma quando lo stress è cronico il sistema non è in grado di mantenere l’equilibrio o l’omeostasi; il corpo rimane in uno stato di eccitazione, dove la digestione è più lenta a riattivarsi o non si riattiva correttamente, spesso con conseguente indigestione; inoltre, la pressione sanguigna rimane a livelli più alti. In parole semplici: uno stress breve potrebbe essere motivante e positivo per la salute, mentre uno stress prolungato determina cambiamenti fisici che sono negativi per la salute. In particolare sono correlati i fattori di stress interpersonali e la funzione immunitaria: il conflitto coniugale, la solitudine, le malattie neurologiche debilitanti ed altre forme di stress interpersonale prolungato disregolano la funzione immunitaria e rendono l’organismo più soggetto a malattie infettive opportunistiche, ciò quelle malattie rare quando il sistema immunitario è efficace ma aumentano in frequenza quando il sistema immunitario diventa deficitario.

Effetti psiconeuroendocrinoimmunologici

Molti studi tendono a confermare che la modulazione immunitaria da parte di fattori di stress psicosociali possono portare a cambiamenti di salute effettivi. In parole semplici: la perdita del benessere mentale può causare o comunque favorire una malattia fisica e/o ritardare la guarigione del paziente e/o aumentare il rischio di decesso. L’importanza clinica della disregolazione immunologica è evidenziata dall’aumento dei rischi in diverse condizioni e malattie. I fattori di stress possono produrre profonde conseguenze sulla salute: in uno studio epidemiologico, la mortalità per tutte le cause è aumentata nel mese successivo a un grave fattore di stress quale la morte di un coniuge (morte psicogena). La nostra esperienza medica e psicologica conferma come gli eventi stressanti inneschino risposte cognitive e affettive che, a loro volta, inducono il sistema nervoso simpatico e cambiamenti endocrini, e questi alla fine compromettono la funzione immunitaria e quindi la salute dell’organismo in generale. Le potenziali conseguenze sulla salute sono ampie, ma includono un più alto rischio di infezione grave, di progressione dell’HIV e di progressione del cancro.

Comunicazione tra cervello e sistema immunitario

  • Lo stress porta a stimolazione degli emisferi cerebrali che altera l’immunità (effetti di lateralizzazione emisferica).
  • Le cellule immunitarie producono citochine che agiscono sul sistema nervoso centrale.
  • Le cellule immunitarie rispondono ai segnali del SNC.

Comunicazione tra sistema neuroendocrino e sistema immunitario

  • I glucocorticoidi e le catecolamine influenzano le cellule immunitarie.
  • Le endorfine del midollo ipofisario e surrenale agiscono sul sistema immunitario.
  • L’attività del sistema immunitario è correlata all’attività neurochimica/neuroendocrina delle cellule cerebrali.

Connessioni tra glucocorticoidi e sistema immunitario

  • Gli ormoni antinfiammatori migliorano la risposta dell’organismo a un fattore di stress.
  • Gli ormoni antinfiammatori influiscono sulla crescita, proliferazione e differenziazione delle cellule.
  • Gli ormoni antinfiammatori causano immunosoppressione.
  • Gli ormoni antinfiammatori sopprimono l’adesione cellulare, la presentazione dell’antigene, la chemiotassi e la citotossicità.
  • Gli ormoni antinfiammatori aumentano l’apoptosi.

Connessioni tra ormone di rilascio della corticotropina (CRH) e stress

  • Il rilascio dell’ormone di rilascio della corticotropina (CRH) dall’ipotalamo è influenzato dallo stress.
  • Il CRH è un importante regolatore dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (asse IIS).
  • Il CRH regola la secrezione dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH).
  • Il CRH è ampiamente distribuito nel cervello e nella periferia
  • Il CRH regola anche le azioni del sistema nervoso autonomo (SNA) e del sistema immunitario.
  • I fattori di stress che aumentano il rilascio di CRH, sopprimono la funzione del sistema immunitario; al contrario, i fattori di stress che deprimono il rilascio di CRH, potenziano l’immunità.

Per approfondire:

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo
Direttore dello Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram, su YouTube, su LinkedIn e su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva, Ormoni ed endocrinologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.