Dissonnie: orari disfunzionali e scarsa qualità e quantità del sonno

MEDICINA ONLINE CERVELLO TELENCEFALO MEMORIA EMOZIONI CARATTERE ORMONI EPILESSIA STRESS RABBIA PAURA FOBIA SONNAMBULO ATTACCHI PANICO ANSIA VERTIGINE LIPOTIMIA IPOCONDRIA PSICOLOGIA DEPRESSIONE TRISTE STANCHEZZACon “dissonnia” (in inglese “dyssomnia”) in medicina si intende un gruppo di disturbi del sonno che impediscono all’individuo diprendere sonno o di dormire in modo normale oppure determinano un risveglio precoce. Le dissonie sono caratterizzate da qualità, quantità od orari disfunzionali del sonno. Le persone che ne soffrono lamentano difficoltà ad addormentarsi, rimanere addormentati, veglia notturna, o combinazioni di questi sintomi. Fattori scatenanti comuni, a volte di disturbi transitori, possono essere lo stress, l’assunzione di sostanze stupefacenti, l’abitudine del riposo diurno e cause neurologiche come tumori e traumi cerebrali. A volte tali disturbi del sonno si associano ad altri disturbi psichiatrici, come la depressione, o ne rappresentano la causa scatenante. Esempi di dissonie sono le ipersonnie (ad esempio l’ipersonnia idiopatica) ed i disordini del ritmo circadiano (ad esempio la sindrome della fase di sonno ritardata).

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Medicina del sonno e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.