Erezioni dolorose nel sonno: cause, sintomi, diagnosi e terapie

INSONNIA DORMIRE DISTURBI DEL SONNO NOTTE LETTO.Con “parasonnia” (in inglese “parasomnia”) in medicina del sonno si indica un gruppo di disturbi del sonno caratterizzati da comportamenti anomali durante il sonno, più frequenti tra i bambini. Di seguito riportiamo una delle possibili classificazioni delle parasonnie:

  • disordini dell’arousal
    • risvegli confusionali;
    • sonnambulismo;
    • pavor nocturnus (terrore notturno);
  • disordini della transizione sonno-veglia
    • movimenti ritmici in sonno (jactatio capitis);
    • sussulti ipnici;
    • sonniloquio;
    • crampi notturni;
  • parasonnie associate al sonno REM
    • incubi (sogni a contenuto terrifico o crisi d’ansia in sonno);
    • paralisi ipnagogica;
    • erezioni dolorose durante il sonno (tumescenza notturna peniena e clitorale);
    • arresto sinusale in REM;
    • disordini comportamentali in REM;
  • altre parasonnie
    • bruxismo in sonno;
    • enuresi notturna;
    • disfagia notturna salivare;
    • distonia notturna parossistica;
    • morte improvvisa nel sonno (da causa sconosciuta);
    • russamento idiopatico;
    • sleep apnea infantile;
    • sindrome della morte improvvisa del lattante (o “morte in culla” o “SIDS”);
    • sindrome da ipoventilazione centrale congenita;
    • mioclono benigno neonatale in sonno;
    • sexsomnia (sleep sex).

In questo articolo ci occuperemo in particolare delle erezioni dolorose nel sonno.

Erezioni dolorose in sonno

Le erezioni dolorose in sonno sono una condizione caratterizzata da dolore associato alle erezioni che si manifestano esclusivamente in sonno in fase REM.

Sintomi e segni

La sensazione dolorosa che accompagna l’ erezione è tale da risvegliare il soggetto. Conseguentemente i pazienti affetti riportano insonnia, eccessiva sonnolenza diurna, ansia, irritabilità. Sorprendentemente le erezioni che avvengono in veglia risultano fisiologiche e non dolorose.

Esordio

Il disturbo può esordire a qualsiasi età, ma più frequentemente al di sopra dei 40 anni. L’incidenza è bassa, manifestandosi in meno dell’1% dei pazienti che presentano problemi sessuali o erettivi.

Quadro polisonnografico

Si associano risvegli ripetuti con erezioni dolorose in corso di REM.

Evoluzione

Il decorso è in genere ingravescente con l’età quindi tende a diventare progressivamente più fastidioso.

Cause e fattori di rischio

Le cause esatte non sono attualmente conosciute. Sebbene questa condizione non sia giustificata da patologia peniena, può essere riportata associata ad anomalie come
nel caso della malattia di Peronye e della fimosi.

Diagnosi differenziale

Si pone nei confronti di una stabile patologia dell’erezione di tipo organico.

Terapia non farmacologica

I tentativi con la psicoterapia comportamentale non sono risultati d’aiuto per la risoluzione del disturbo.

Terapia farmacologica

La terapia farmacologica prevede l’uso di antidepressivi triciclici e, in caso di controindicazioni all’uso degli stessi, beta-bloccanti quali il propranololo a basso dosaggio in unica somministrazione serale.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Andrologia, La medicina per tutti, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.