Liquor: caratteristiche, alterazioni della circolazione liquorale e della pressione intracranica

MEDICINA ONLINE CERVELLO BRAIN TELENCEFALO MEMORIA EMOZIONI CARATTERE ORMONI EPILESSIA STRESS RABBIA PAURA FOBIA NERVO VENTRICOLI CEREBRALI ATTACCHI PANICO ANSIA IPPOCAMPO IPOCONDRIA PSICOLOGIA DEPRESSIONE DIENCEFALOIl liquido cerebrospinale (LCS) o “liquor” o ancora “liquido cefalorachidiano”, costituisce un mezzo acquoso nel quale l’encefalo è sospeso e quindi protetto dai colpi portati al capo. Inoltre, esso agisce sia come un deposito dal quale i cataboliti cerebrali (come per esempio CO2, latrato, NH3, ioni H+) vengono riassorbiti nel torrente circolatorio, sia come un sistema di conduzione per la distribuzione di varie sostanze in tutto il sistema nevoso.

Vengono prodotti circa 500 ml/die di LCS, prevalentemente dai plessi corioidei dei ventricoli laterali; il liquor fluisce verso il terzo e il quarto ventricolo, esce dai forarni di Luschka e Magendie alla base del bulbo o midollo allungato e quindi circola in direzione craniale attraverso le cisterne del tronco encefalico fino agli spazi subaracnoidei che circondano la convessità degli emisferi cerebrali. Il LCS viene riassorbito nel sangue attraverso i villi aracnoidei che si trovano prevalentemente nel seno sagittale.

Nell’adulto il volume intracranico è di circa 1700 ml e comprende:

  • l’encefalo (che corrisponde ad un volume di 1450 ml),
  • il liquor (stimato intorno ai 140 ml),
  • il sangue intravascolare (150 ml).

La distribuzione del LCS nei ventricoli, negli spazi cisternali e negli spazi subaracnoidei dell’encefalo e del midollo spinale varia con l’età. La pressione del liquor; normalmente compresa fra 90 e 150 mmH2O (che corrispondono a 6 – 11 mmHg) dipende prevalentemente dalla pressione vascolare (venosa), il che rende ragione dell’onda pulsatile di pressione intracranica sincrona con il ciclo cardiaco. A causa della rigidità della scatola cranica e della relativa inelasticità della dura, un aumento del volume di encefalo, sangue o liquor è possibile solo a scapito delle altre componenti (teoria di Monro-Kellie). Questa relazione pressione-volume è nota come compliance; gli aumenti di volume intracranico sono inizialmente tollerati, ma ulteriori espansioni causano un incremento esponenziale della pressione intracranica (ipertensione intracranica) e possono gravemente danneggiare le strutture cerebrali per compressione ed interferendo con il flusso ematico cerebrale.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.