Codice nero al Pronto Soccorso: cosa significa in Italia e all’estero?

MEDICINA ONLINE AMBULANZA URGENZA EMERGENZA INCOSCIENZA TRAUMA POLITRAUMA INCIDENTE STRADALE 118 PARAMEDICO INTERVENTO PRONTO SOCCORSO RIANIMAZIONE MASSAGGIO CARDIACO RESPIRAZIONE BOCCA DEFIBRILLATORE.Per comprendere il concetto di “codice nero“, è prima necessario comprendere il concetto di “triage“. Il triage è un sistema utilizzato nei Pronto Soccorso e nei DEA (Dipartimenti d’Emergenza e Accettazione) per selezionare i soggetti coinvolti in infortuni secondo classi di urgenza/emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate e del loro quadro clinico. Il triage ospedaliero usa un codice colore per rendere universalmente identificabile l’urgenza del trattamento per ogni singolo soggetto; in ordine di gravità il paziente sarà quindi considerato:

  • codice rosso o “emergenza”: paziente che rischia la vita che ha accesso immediato all’intervento medico;
  • codice giallo o “urgenza”: paziente urgente con accesso alle cure entro 10-15 minuti;
  • codice verde o “urgenza differibile” o “urgenza minore”: paziente senza segni di imminente pericolo di vita, con accesso entro 120 minuti (2 ore);
  • codice bianco o “non urgenza”: paziente che può rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale.

Il codice nero in Italia non identifica uno stato di gravità, come gli altri codice colore, bensì indica che il paziente è deceduto e non è più rianimabile. Il codice nero è quindi associato a morte certa del paziente.

Altri colori usati nel triage, sono:

  • codice arancione: indica che il paziente è contaminato;
  • codice azzurro o “urgenza differibile”: è un paziente con gravità intermedia tra il codice giallo ed il codice verde, con accesso entro 60 minuti (1 ora);
  • codice blu: indica che il paziente ha funzioni vitali compromesse in ambiente extraospedaliero generalmente attivato in assenza del medico.

Per approfondire questo argomento, leggi: Triage in Pronto soccorso: codice rosso, giallo, verde, bianco, nero, blu, arancione, azzurro

Codice nero all’estero e in Grey’s Anatomy

Nell’episodio 16 della seconda stagione del serial tv Grey’s Anatomy, chiamato in originale “It’s The End Of The World” e in italiano “Apocalisse (Codice nero)”, un paziente viene portato al Seattle Grace con all’interno del proprio corpo un ordigno esplosivo. Il cardiochirurgo Burke annuncia il “codice nero” (code black) che blocca tutte le attività nell’ala chirurgica: in questo caso il “codice nero” è usato per indicare la presenza della bomba nell’edificio, cioè un evento straordinario potenzialmente catastrofico. Il codice nero, infatti, in vari stati assume significati diversi da quello italiano. Ad esempio in Canada si usa per indicare la presenza di una bomba (o di un pacco sospetto) nell’edificio. In Inghilterra si usa per indicare l’assenza di letti disponibili per i nuovi ricoveri. In Australia si usano invece questi codici colore:

  • codice nero: minaccia personale di vario genere;
  • codice nero alpha: neonato o bambino mancante o rapito;
  • codice nero beta: presenza di individuo che usa armi da fuoco nell’edificio;
  • codice nero j: paziente che attua atti di autolesionismo.

Continua la lettura con:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Medicina d'emergenza-urgenza e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.