Differenza tra polineuropatia, radicolopatia, poliradicolopatia, mononeuropatia

MEDICINA ONLINE PLESSO LOMBARE LOMBOSACRALE NERVI DEGLI ARTI INFERIORI FEMORALE OTTURATORIO SCIATICO ISCHIATICO ILEOIPOGASTRICO ILEOINGUINALE GENITOFEMORALENella discussione delle malattie del sistema nervoso periferico (SNP) si utilizzano
spesso alcuni termini che possono generare confusione nei pazienti: cerchiamo oggi di mettere un po’ d’ordine.

Neuropatia

Il termine neuropatia (o “nevropatia”) si riferisce genericamente a qualsiasi disturbo o patologia che interessa il sistema nervoso. Spesso il termine “neuropatia” viene usato come sinonimo di “neuropatia periferica”.

Neuropatia periferica

Con “neuropatia periferica” si intende una patologia che colpisce il sistema nervoso periferico (SNP). La neuropatia può essere localizzata in:

  • un solo nervo (mononeuropatia);
  • in più nervi (polineuropatia e mononeuropatia multipla).

Una neuropatia periferica si definisce anche:

  • poliradicolonevrite: se la neuropatia è infiammatoria e colpisce la parte prossimale del nervo (ad esempio radicolite, sindrome di Guillain Barré, polineuropatie tipo CIDP);
  • multineuropatie: se causano lesioni in più parti del nervo (ad esempio neuropatia motoria multifocale).

Mononeuropatia

Con mononeuropatia si indica l’interessamento di un singolo nervo (ad esempio sindrome del tunnel carpale).

Polineuropatia

Il termine polineuropatia si riferisce a un coinvolgimento bilaterale e simmetrico dei nervi periferici, che interessa più gli arti inferiori che quelli superiori, con coinvolgimento maggiore dei segmenti distali rispetto a quelli prossimali.

Mononeuropatia multipla

Con mononeuropatia multipla si indica l’interessamento di più tronchi nervosi in modo asimmetrico e con distribuzione casuale. La principale differenza tra una polineuropatia ed una mononeuropatia multipla è quindi che la prima determina un coinvolgimento simmetrico, mentre nella seconda è asimmetrico.

Radicolopatia

Con radicolopatia si intende genericamente l’interessamento di una o più radici dei nervi periferici.

Poliradicolopatia

Con poliradicolopatia si intende una radicolopatia che interessa varie radici dei nervi periferici.

Plessopatia

Con il termine plessopatia si intende l’interessamento limitato del plesso brachiale e lombare.

Gangliopatia

Il termine gangliopatia indica l’interessamento di uno o più gangli, strutture nervose appartenenti al sistema nervoso periferico, costituite da un ammasso di pirenofori neuronali e posto lungo il decorso dei nervi.

Radicolopatie e poliradicolopatie

Le radici nervose sono coinvolte, almeno in una certa misura, nella maggior parte delle polineuropatie, ma alcune patologie tendono a interessare in maniera particolare la parte prossimale dei nervi lungo il loro decorso nello spazio subaracnoideo. La compromissione radicolare è caratterizzata clinicamente da un’ipostenia asimmetrica che interessa muscoli adiacenti in maniera variabile e da un deficit sensitivo associato a dolore con distribuzione radicolare. L’interessamento di una singola radice, solitamente a livello lombare o cervicale, è secondaria in genere a un’ernia discale e meno frequentemente a un neurofibroma, all’herpes zoster o a un infarto in un paziente con diabete. Un’affezione multiradicolare può essere secondaria a una malattia degenerativa della colonna vertebrale o all’infiltrazione delle meningi da parte di un carcinoma, di un linfoma, della sarcoidosi o di una malattia infiammatoria. A volte, tuttavia, non si riesce a stabilire la causa. Il liquor è costantemente alterato nelle patologie radicolari e l’EMG mostra un quadro di denervazione che riflette il coinvolgimento delle radici nervose; i principali rilievi sono quelli già menzionati in precedenza, ovvero un’anomalia delle risposte tardive con risparmio dei potenziali sensitivi nelle zone colpite, poiché la lesione del nervo è prossimale al ganglio delle radici dorsali.

Mononeuropatie e plessopatie

La diagnosi di mononeuropatia o di plessopatia si fonda sul riscontro di disturbi motori e sensitivi e di alterazioni dei riflessi nel territorio di distribuzione di un nervo o di un plesso ed è confermata da altri dati clinici.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.